Posted on Lascia un commento

L’avventurosa storia del cinema americano

L'avventurosa storia del cinema americano

I frequentatori dei locali di divertimento come le «penny arcades» appartenevano alle classi povere e avevano una ben scarsa cultura teatrale e un ben scarso spirito critico. Niente di più naturale, quindi, che restassero affascinati dalle ombre che sussultavano si tramutavano misteriosamente nel paesaggio di una terra straniera, e che urlassero di terrore al vedere un treno precipitarsi dallo schermo su di loro, e che restassero senza parola nell’assistere alla cerimonia della proclamazione del Presidente McKinley. La diretta comunicativa del movimento sullo schermo, l’eloquenza semplice delle immagini, che anche un bambino poteva comprendere, conquistò la loro mente e la loro immaginazione. La semplicità del linguaggio del cinema non renda necessaria alcuna preparazione culturale alla comprensione e al godimento di un film, e il basso costo dei biglietti d’ingresso pose questa nuova forma di divertimento anche alla portata dei salariati. Il risultato fu che il cinema si affermò come un’economica forma di svago per le masse; le fondamenta su cui d’ora in avanti doveva innalzarsi l’edificio del cinema erano già pronte.

Lewis Jacobs
(L’Avventurosa Storia del Cinema Americano, 1952)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.