Posted on Lascia un commento

La Cantante dell’Opera 1932

La Cantante dell'Opera di Nunzio Malasomma 1932

Direttore Nunzio Malasomma. Interpretazione di Gianfranco Giachetti, Germana Paolieri, Isa Pola, Ugo Cesari, Alfredo Moretti, Cesira Vianello, Gino Viotti.

Questo film  è tratto da una delicata novella di Gino Rocca. Trasportata sullo schermo, le sue note patetiche, il suo clima psicologico dovevano necessariamente perdere qualcosa della loro limpida freschezza. Il Malasomma è tuttavia riuscito a serbare intatta l’umanità della situazione, la chiara vitalità del personaggio centrale (Il Mattino, 29-4-32). Certo mancano in questo lavoro ″quell’autonomia e quella spigliatezza, che sono proprie delle produzioni nate con i caratteri tipici del cinematografo″ (Lavoro Fascista 24.4.’32). Il film è insomma un po’ lento, ma è diretto con mano sicura e, diremo di più, con giusta sensibilità artistica. Perfetti gli esterni girati a Venezia. Eccellente la trovata, squisitamente sonora, di Papussa che risente la voce della figlia cantante attraverso la radio. Piena d’impegno la recitazione di tutti. Ottimo il Giachetti che è finora, con Sergio Tòfano, il migliore dei nostri attori di teatro passati al cinematografo; ma in Figaro e la sua grande giornata aveva saputo trovare maggior varietà di espressioni. Germana Paolieri riconferma le sue buone possibilità, deve però cercare d’essere meno preoccupata, più naturale. Ottima Isa Pola in continuo progresso. Ed ora ancora una piccola nota: un finale più chiaro, più esplicito non avrebbe guastato. Al cinematografo non basta sempre far capire. Vogliamo vedere, vedere, vedere. (Corriere della Sera, 29-4-’32). Non dimentichiamoci mai che il cinema è un’arte essenzialmente popolare. Buona, come in tutti i films della Cines, la tecnica fotografica e sonora.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.