Chi siamo

Benvenuta/benvenuto!

In questo 2018 la Libreria Metropolis compie il suo 16° anniversario sul web ed il 38° della sua fondazione. Siamo dei veterani, e per certi versi dei pionieri!

La nostra esperienza su internet è stata molto positiva e siamo riusciti a farci nuovi amici dove altrimenti non saremmo mai riusciti ad arrivare. Vogliamo ringraziare tutti quelli che così entusiasticamente ci hanno sostenuto ed aiutato con i loro utili consigli e suggerimenti, che sono sempre benvenuti.

Riflettendo su come stabilire un rapporto ancora più amichevole, abbiamo pensato che sarebbe utile cambiare il solito linguaggio dei siti web, qualche volta troppo freddo e distante. Vogliamo riprendere, nella misura del possibile, le vecchie tradizioni della libreria come punto d’incontro e del libraio amico e consigliere. Cominciamo così per presentare, per chi ancora non lo conosce, il titolare della libreria.

Armando Giuffrida è quello che può definirsi un libraio-collezionista. Nei primi tempi furono i fumetti, e molti ricordano ancora le presentazioni alla Libreria Metropolis di Roma (Viale Giulio Cesare), di importanti autori come Manara, per citare soltanto un nome. Quindi la sua attenzione si spostò verso il cinema, che da tempo collezionava come privato. Considerato come uno dei maggiori esperti nel campo dei manifesti cinematografici è, tra l’altro, dal 1996, il consulente per le Aste Bolaffi-Ambassador.

Nel 1999, La Libreria Metropolis fece un giro di vite e dedicò tutti i suoi sforzi a promuoversi come libreria dedicata al mondo dello spettacolo, e verso la fine dello stesso anno cominciò a pubblicare un catalogo di libri e riviste interamente dedicato a cinema e teatro, con particolare riguardo a vecchie edizioni difficilmente reperibili sul mercato, diventando un punto di riferimento per gli studiosi e i semplici appassionati. Meno di tre anni dopo, nel 2002. il catalogo cartaceo diventava un sito web.

In questa nuova versione troverai alcune novità che abbiamo studiato, tenendo presente che i tempi cambiano ma “lo spettacolo deve continuare…”

Buona visione!